Museo di Monaco - Route

Centro intellettuale di Monaco

Il "Museo di Monaco di Baviera - percorso" ci porta al complesso d'arte, da Karolinenplatz a Lenbachhaus, alle gallerie d'arte, il Museo Brandhorst, il museo di arte egizia e termina nel quartiere studentesco.

Video in: - Inglese - français - Italiano - español -

Descrizione del percorso Museum Munich - Tour

Con i suoi numerosi monumenti e collezioni di arte e dipinti, il Kunstareal forma il cuore intellettuale di Monaco. Alla fine del tour ci concediamo una breve passeggiata attraverso il vivace quartiere universitario. Iniziamo il nostro tour Odeonsplatz.

Da Odeonsplatz si cammina e si continua diritto attraverso Briennerstrasse. Presto riconoscerai l'obelisco Karolinenplatz.

Su 18. Ottobre 1833, l'anniversario della Battaglia di Lipsia a 1813, l'obelisco fu svelato solennemente al centro della Karolinenplatzes. Il Bayern ha sostenuto gli avversari di Napoleone Russia, Austria, Prussia, Svezia e Inghilterra 1812 to1813 con più soldati 30.000. I soldati dovevano pagare lealtà alle loro vite. La Brienner Straße e la Barer Straße, che attraversano la piazza, prendono il nome da luoghi di battaglie delle guerre di liberazione contro Napoléon.

La Briennerstrasse continua dritto, arriva direttamente a re posto.

Per me è uno dei posti più belli di Monaco. Nella corsa veloce, passa attraverso i classici stili architettonici greci. I Propylaea sul lato ovest della piazza sono decorati in stile dorico. Venendo da Karolinenplatz, puoi vedere prima la possente gatehouse. A destra di questo possiamo vedere la Gliptoteca nello Ionio e esattamente di fronte alla collezione di Antichità in stile corinzio. Questo entusiasmo per la Grecia è essenzialmente dovuto al principe bavarese Otto il primo. Era seduto sul trono greco da 1832 a 1862. Oggi qui domina lo stile di vita moderno: il sole, il cinema all'aperto e numerosi concerti caratterizzano l'immagine della piazza nei mesi estivi.

Attraversiamo gli archi del Propyläen e riconosciamo il diritto, un po 'nascosto nel giardino, il Lenbachhaus.

La Lenbachhaus ospita, tra le altre cose, la più grande collezione al mondo di "Blue Riders". Questo gruppo di artisti comprendeva famosi pittori come Franz Marc, Wassily Kandinsky, August Macke, Paul Klee o Gabriele Münter.

Gabriele Münter lasciato 1957 80 a lei. Compleanno Lenbachhaus 25 propri quadri, dipinti ad olio 90 marito Wassily Kandinsky, circa 330 suoi acquerelli e disegni, i suoi quaderni di schizzi, dipinti su vetro e stampe, e numerose opere su carta. Inoltre, ha lasciato in eredità le opere Lenbachhaus di August Macke e Marianne von Werefkin.

Oltre a questa magnifica collezione, la Lenbachhaus ospita la collezione "19. Secolo". Originariamente, la galleria mostrava principalmente opere di pittura di Monaco provenienti da 19. Secolo e l'arte tedesca dei primi 20. Secolo.

La collezione "Nuova oggettività" è dedicata all'arte dopo la prima guerra mondiale. Per i pittori degli anni 20er e 30er, in contrasto con l'espressionismo precedente, prevale la rappresentazione sobria e realistica.

[leggi altro = "leggi di più" less = "leggi meno"]

Proseguiamo dritti fino a Gabelsbergerstrasse, dove giriamo a destra. Attraversiamo la Arcisstraße e vediamo il nuovo edificio del Museo statale di arte egiziat.

I metri quadrati 1.800 mostrano oggetti provenienti da quasi 5.000 anni di storia egiziana. Il museo condivide l'edificio moderno con il College of Film and Television.

La mostra, che per motivi di conservazione si trova nel seminterrato, è divisa in due sezioni principali. Il primo è dedicato alle sculture egiziane e presenta esposizioni simili fianco a fianco, indipendentemente dal loro tempo di origine. Sono rimasto molto colpito dal 5,80 m alto obelisco di Titus Sextius Africanus.

La seconda parte della collezione è dedicata ai temi della fede, religione, scrittura e testo, arti e mestieri d'ora in poi e termina con l'arte delle regioni limitrofe, la Nubia e il Vicino Oriente antico.

Dall'altro lato della strada puoi vedere il Nuova Pinacoteca.

Qui troviamo quasi 400 opere di arte europea dal tardo 18., L'intero 19. e l'inizio di 20. Secolo. Pertanto, la collezione abbraccia un arco dall'Illuminismo all'età moderna. Le mostre più famose sono certamente i girasoli di Van Gogh, Spitzwegs Armer Poet, la processione trionfale di Germanicus con l'impressionante tela 35 per metro quadrato e per non parlare di Louis 1. in pieno onore.


Per raggiungere la vecchia Pinakothek, torniamo un po 'sulla Arcisstrasse, nella quale giriamo a destra. Dopo pochi metri superiamo l'ingresso principale dell'Università tecnica di Monaco. Vale sicuramente la pena fare una deviazione al Café Vorhoelzer. Basta entrare nell'edificio universitario, seguire la segnaletica Forum e prendere l'ascensore fino all'ultimo piano. Il Café Vorhoelzer impressiona con la sua ampia terrazza, che ci regala una vista meravigliosa sui tetti di Monaco - e con il bel tempo fino alle Alpi. Sebbene il caffè non sia più un segreto, il mix internazionale di studenti e turisti ha sviluppato il suo fascino.

Ma torniamo al vecchia Pinacoteca, È una delle gallerie di immagini più importanti del mondo e ci mostra più di 700 opere significative della pittura europea da 14. fino a 18. Secolo. Qui troviamo dipinti di Dürer, Rembrandt, Altdorfer. Boticelli, da Vinci, Rubens, Tiziano e Raffaello.

Tra la vecchia e la nuova Pinacoteca torniamo alla Barerstrasse. Solo pochi metri a sinistra e noi già cade Pinakothek der Moderne negli occhi.

È una delle maggiori attrazioni di Monaco e, con i suoi musei 4 e 12.000 metri quadrati di spazi espositivi, è una delle sale espositive più famose al mondo.
Anche l'edificio merita una visita. Nell'ingresso, la rotonda impressiona con una cupola di vetro in 25 altezza m. Da qui, i tour sono suddivisi nei quattro musei, in dettaglio

La collezione della pittura di stato bavarese
La nuova collezione del Munich Design Museum
Il Museo di architettura dell'Università tecnica di Monaco
e
The State Graphic Collection

Continuiamo sul piazzale della Pinakothek verso Türkenstrasse. Alla fine della piazza vediamo alla nostra sinistra l'imponente edificio del Museo Brandhorst e proprio di fronte a noi Türkentor.

Qui troviamo una notevole scultura dell'artista americano Walter De Maria. La palla di granito pesante rosso-brillante "Grande sfera rossa" 25 Tons appartiene alla Fondazione Udo e Anette Brandhorst

L'incontro tra il tessuto storico dell'edificio e la scultura tonda e lucida rivela la sua estetica personale. A proposito, la visita al Türkentor è gratuita.

Già siamo all'ultima stazione del Kunstareal, il Museo Brandhorst, arrivato.

L'edificio colorato e accattivante ospita oltre 700 opere di artisti contemporanei come Cy Twombly, Damien Hirst o Andy Warhol

Il punto focale del Museum Brandhorst è il lavoro dell'americano Cy Twombly. Le sue opere caratterizzarono l'espressionismo astratto. L'ampia collezione Cy Twombly è considerata unica e più significativa al di fuori degli Stati Uniti.
Insieme alla Pinakothek der Moderne troviamo qui una collezione completa di artisti di 20. e 21. Secolo.

Alla fine del nostro tour nel Kunstareal ci immergiamo un po 'l'uno nell'altro quartiere universitario e vagano per le Theresienstrasse, turchi, Amalienburg e Schellingstrasse con i suoi numerosi caffè, ristoranti e piccoli negozi.

Alla fine di Schellingstrasse vediamo la Ludwigskirche e la stazione della metropolitana "Universität".
[/ Read]

Mangiare e bere nel quartiere universitario e dei musei
cuochi

I Miei Preferiti

  • Hans im Glück
    uno dei migliori negozi di hamburger della città

    ___________________________________________

  • I caffè nei musei sono invariabilmente raccomandati
    per lo più con una bella terrazza e un ambiente piacevole

    ___________________________________________

  • Café Vorhoelzer
    Nell'edificio dell'università tecnica.
    Prendi l'ascensore fino al tetto. Non facile da trovare
    ma la vista sulla terrazza sul tetto è valsa la pena.

    ___________________________________________

  • Café Puck
    Un famoso ritrovo nella Türkenstrasse.
    Ottima colazione Assicurati di prenotare la domenica.

    ___________________________________________

  • Gelato Ballabeni
    Se hai voglia di avere il miglior gelato della città, Ballabeni è il posto dove andare.
    Riconosci il piccolo chiosco di ghiaccio dalla lunga fila davanti alla porta.

    ___________________________________________

  • Birrificio Max-Emanuel
    un'oasi verde a Maxvorstadt

Mappa dei luoghi

Per trovare un percorso individuale, clicca sulla tua destinazione

Ulteriori suggerimenti di percorso dalla categoria "Monaco a piedi"

Museo di Monaco di Baviera - Königsplatz
Eisbach English Garden 2
Zoo Hellabrunn
Sibling-scholl-Platz-Platz Monaco a piedi

Attendo i vostri commenti

0 Comments

Il tuo commento

Partecipare alla discussione?
Lasciaci il tuo commento!

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * evidenziato.

Clicca qui per aggiungere il tuo testo