Blutenburg

Idillio a Obermenzing

Se attraversi i confini della città con l'A8 proveniente da Stoccarda, devi assolutamente fare una breve deviazione a Blutenburg. Subito dopo la rotonda e prima della stazione di servizio, si entra nel Seldweg e si trova immediatamente un parcheggio.

A pochi passi e vedrete l'idilliaco Blutenburg con la sua chiesa originale del castello.
Perché attualmente è chiamata Blutenburg, non è più esattamente da capire. Forse perché il Duca Albrecht III. ha ripreso economicamente la costruzione e ha "respirato" nell'antica Baviera. I primi documenti del castello si possono trovare nell'anno 1432. Duca Sigismondo, figlio di Albrecht III. il castello poi aggiunse 1492 alla cappella del castello.

Il duca Sigismund è stato immortalato dal pittore Jan Polack nella tavola dell'altare maggiore insieme a San Bartolomeo.

Oltre al castello Grünwald, il Blutenburg è l'unico castello medievale nei dintorni di Monaco.

Subito sul grande lago, 2001 ha eretto uno dei tanti monumenti commemorativi identici dell'artista Hubertus von Pilgrim, che ricorda la terribile marcia della morte dei prigionieri del campo di concentramento di Dachau negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale.
Dal suo rinnovamento nell'anno 1980, il castello ospita il Museo Michael Ende.

Il castello è anche famoso per la sua biblioteca internazionale della gioventù. Qui troverete libri per bambini e adolescenti da tutto il mondo, sia nella lingua originale che nella traduzione tedesca.

In passato c'era una linea di visuale libera dal castello di Nymphenburg al castello di Blutenburg, che purtroppo è installato oggi. Tuttavia, è possibile passeggiare o andare in bicicletta attraverso il verde e lungo il Würm, direttamente fino al castello di Nymphenburg.

Collegamenti all'argomento

Blutenburg su Wikipedia

Sito web di Blutenburg

Immagini del Blutenburg

Ulteriori suggerimenti di percorso dalla categoria "Impressioni di Monaco"

Blutenburg
panorama alpino

Attendo i vostri commenti

0 Comments

Il tuo commento

Partecipare alla discussione?
Lasciaci il tuo commento!

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Clicca qui per aggiungere il tuo testo